C’era una volta a Fuciade

 Il fratello maggiore dell’ Art Hotel è un luogo magico, mèta imperdibile

C’era una volta una baita, anzi erano molte, disseminate in una conca meravigliosa, un tempo alpeggio di Soraga.

No, non è storia antica quella del Rifugio Fuciade. È solo alla seconda generazione la tradizione di accoglienza della famiglia Rossi, ma ha già molto da raccontare. Un fienile trasformato in rifugio che nel tempo, grazie alla passione dei proprietari per la cucina e al loro senso innato per l’ospitalità, ha conquistato appassionati di montagna e intenditori della Buona tavola.

Chi passa al Fuciade non lo dimentica, anzi ritorna appena può per godere della meraviglia del posto, ma soprattutto del sapore autentico delle ricette cui lo chef Martino Rossi dà vita. Esperienze di gusto che parlano di tradizione che si rinnova, di ingredienti selezionati e genuini, di creatività in continua evoluzione.

Il calore del legno, le antiche stuben e la sapiente esposizione delle collezioni della proprietaria rendono ogni ambiente esclusivo e confortevole. Segnalato dalle migliori guide gastronomiche, il Rifugio Fuciade non può mancare nei luoghi da visitare durante la vostra vacanza in Trentino.

“Sulla Terra non c’è il paradiso, ma ci sono dei pezzi di esso.”

– Jules Renard –